La ricetta della Bagna Càuda

Anche questa settimana riscopriamo insieme la ricetta originale di uno dei piatti più tipici delle terre piemontesi: la Bagna Càuda. Come realizzare una bagna saporita ma digeribile, come servirla e con cosa accompagnarla per esaltarne il gusto.

La ricetta della Bagna Càuda esiste in numerosissime varianti, alcune più “leggere” altre meno; ogni cuoco elabora una sua versione in base alle sue preferenze ed abitudini.   Ogni noi vogliamo proporvi una versione, diciamo “light”, ovvero più digeribile e meno pesante. Chiaramente, parole come “light”, “digeribile” e “meno pesante” sono molto relative per un piatto come la Bagna Càuda e soprattutto soggettive, variando da persona a persona.  

Gli ingredienti

  • aglio
  • acciughe sfilettate o sott’olio
  • olio
  • latte

Il procedimento

Per prima cosa è necessario spelare l’aglio e, dopo averlo tagliato a metà, rimuovere l’animella; aggiungere in un pentolino circa 300cc di latte e cuocere l’aglio fino a quando questo si amorbidisce ed è possibile schiacciarlo.   Lo scopo di questo primo passo è cuocere l’aglio consumando tutto il latte, che nella cottura si addensa.   Quando il latte  si è condensato e avvolge l’aglio ormai cotto aggiungere le acciughe, circa 300cc di olio e mescolare il composto.   E’ necessario continuare a mescolare fino a che aglio e acciughe sono amalgamate completamente.  

Come servire

Noi consigliamo di servire la Bagna Caoda (così la chiamano alcuni) negli appositi fornellini in terracotta, che permettono di gustare la Bagna Càuda alla temperatura corretta.  
Bagna Caoda:il fornellino in terracotta
Fornellino in terracotta per gustare la Bagna Càuda
  La Bagna Cauda è ideale per intingere il cardo gobbo di Nizza Monferrato e una fetta di pane casareccio piemontese.  

Buon Appetito!